Ottobre 2020: Madonna, a te la guida!

Sulla scia del capitano Darreberg e di san Luigi-Maria da Montfort, ripetiamo spesso con fiducia alla Vergine Maria:
"Madonna, a te la guida!"

Cari amici, cari giovani amici,

Avremmo voluto iniziare questa consegna annunciandovi la ripresa dei lavori sul sito “Madonna delle Nevi”, come era previsto dal prefetto dell'Ardèche e dai suoi servizi. Ma un diktat del Ministero della Transizione Ecologica ha deciso diversamente. Ecco come il collettivo "Pour notre vallée la Bourges", che difende il nostro progetto, ha presentato sul suo blog, la sera del 29 settembre, questa ingiusta decisione:

"La legge urbanistica non viene applicata, lo Stato di diritto viene violato. Il permesso è stato concesso legalmente e non è stato oggetto di ricorso. Il prefetto ha più volte sottolineato la serietà del dossier e l'ottimo lavoro svolto dai suoi servizi. La pressione esercitata dai gruppi radicali ha dato i suoi frutti. Constatiamo che lo Stato vuole evitare ad ogni costo una nuova occupazione illegale (ZAD), anche commettendo una grave ingiustizia. Lo Stato pensa di comprare così un anno di pace sociale. La sinistra ecologista e comunista è stata fortemente coinvolta su questa problematica per ragioni lontane dalla difesa dell'ambiente ... Il ministro della Transizione ecologica ha imposto il suo punto di vista. Ha dato istruzioni al prefetto dell'Ardèche che ha dovuto ottemperare. La dimensione economica è stata ignorata e persino disprezzata. Gli attori economici della valle della Bourges e dell'Ardèche che si erano impegnati in questo cantiere, per il quale alcuni avevano investito e assunto, devono essere difesi. L'ecologia, fraintesa ed eretta a dogma, è diventata un pretesto per impedire qualsiasi sviluppo economico in nome della difesa del pianeta.
Lavorare duramente tutto il giorno piuttosto che manifestare o organizzare "mercati festivi", pagare le tasse piuttosto che vivere di aiuti di Stato, rispettare la legge piuttosto che svolgere occupazioni illegali e degradare, sembra oggi non trovare più grazia.
Siamo indignati che lo Stato si sia ritirato di fronte a una minoranza di agitatori radicali, che hanno usato metodi disonesti per raggiungere i loro obiettivi. Avvertiamo gli abitanti di Saint-Pierre de Colombier e i rappresentanti eletti dell'Ardèche, impegnati nel bene comune e nella vita rurale, del rischio di veder crescere una militanza radicale. Saint Pierre de Colombier è infatti diventato un laboratorio su cui questi gruppi radicali si appoggeranno per imporre la loro visione di una società che si oppone allo sviluppo economico. Se i funzionari locali eletti, gli attori economici e la maggioranza silenziosa a favore del progetto non reagiscono rapidamente, i territori rurali potrebbero soffrire ancora di più negli anni successivi. I lavori devono riprendere al più presto sul sito “Madonna delle Nevi”".

Ringraziamo i membri del collettivo "Pour notre vallée la Bourges" e vi invitiamo a visitare il loro sito (http://pournotrevalleelabourges.over-blog.com/), che risponde in verità a tutte le menzogne diffuse dai media per screditare il nostro progetto e farlo abortire.

Sappiamo che state pregando e offrendo molto per questo progetto, perché sapete che è il progetto dei nostri Fondatori, il progetto di Dio. Abbiamo pregato San Michele Arcangelo il 29 settembre, la cui statua si trova ora sul sito della Madonna delle Nevi, con la preghiera di Papa Leone XIII. Abbiamo fiducia e non ci scoraggiamo. Questa nuova ingiustizia è, per noi, una nuova prova che se l'Inferno è così ferocemente contrario alla costruzione della Cappella del Cuore Immacolato di Maria, è perché Dio vuole questa cappella affinché il Cuore Immacolato di Maria possa dare molte grazie a Saint-Pierre-de-Colombier.

Ringraziamo Dio per la cerimonia dei voti perpetui di suor Teodora.

La Divina Provvidenza permette un nostro pellegrinaggio in Polonia, nonostante la totale cancellazione dei voli Francia-Polonia. I nostri pellegrini, partiti in autobus, vivono un pellegrinaggio gioioso e fervente sulle orme di San Giovanni Paolo II.

La lotta olimpica per la purezza, di cui parlava Madre Maria Augusta, si sta intensificando.

I - Prima d'iniziare...

Preghiera introduttiva

Vieni Santo Spirito, Padre Nostro, Ave Maria, O Maria nostra Signora..., Nostra Signora delle Nevi, Santa Teresa di Gesù Bambino, Venerabile Delhia, San Francesco, Santa Faustina, San John-Henry Newmann, San Bruno, San Dionigi, San Giovanni XXIII, Santa Teresa d'Avila, Santa Margherita Maria, San Luca, San Bertilla, Sant'Orsola, San Giovanni Paolo II, Beata Clotilde, Santi Simone e Giuda, Beata Chiara Luce, Santi Angeli custodi.

Sforzo

Preghiamo con fiducia il Rosario, che ha operato tanti miracoli.

Parola di Dio : Ap 12, 1-9

Non dubitare del trionfo del cuore immacolato di Maria.

Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto. Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna, che stava per partorire, in modo da divorare il bambino appena lo avesse partorito. Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e suo figlio fu rapito verso Dio e verso il suo trono. La donna invece fuggì nel deserto, dove Dio le aveva preparato un rifugio perché vi fosse nutrita per milleduecentosessanta giorni.
Scoppiò quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme ai suoi angeli, ma non prevalse e non vi fu più posto per loro in cielo. E il grande drago, il serpente antico, colui che è chiamato diavolo e il Satana e che seduce tutta la terra abitata, fu precipitato sulla terra e con lui anche i suoi angeli.

II - Le rubriche del taccuino di cordata

1) Disciplina: organizzazione

Così il nostro Padre parlava delle qualità che i responsabili dovrebbero sviluppare: "Alcune virtù naturali sono importanti... Dobbiamo quindi considerare quelle che si possono chiamare qualità di leadership: chiarezza di visione negli affari, spirito organizzativo, sufficiente serenità di fronte alle difficoltà, energia. Ma il Padre non voleva scoraggiare alcun responsabile: "Se queste qualità naturali esistono in qualche misura, lo spirito soprannaturale sarà una forza in via di sviluppo per i superiori stessi nell'esercizio della loro autorità, con l'aiuto di Dio che benedice gli sforzi di fedeltà al dovere di stato di coloro che hanno l'autorità per servire.” Sviluppiamo lo spirito di organizzazione per servire meglio i nostri fratelli e le nostre sorelle.

2) Previsioni in questo mese del Rosario

Ogni giorno, attraverso il nostro sito, potrete recitare il Rosario con noi:  6:30, 13:10, 18:00. Sabato 17 ottobre, avremo la gioia dell'ordinazione sacerdotale di Fra Benoît e la riunione dei Focolari Amici.

3) Consegna spirituale:  Madonna, a te la guida!

Il titolo di questa consegna mi è venuto in mente a causa degli eventi degli ultimi giorni riguardanti la costruzione della cappella del Cuore Immacolato di Maria e del filmato che abbiamo mostrato agli adolescenti e ai giovani negli anni '80 sul capitano Darreberg. Questo film li aveva toccati molto.

Il capitano francese Darreberg, prigioniero in Germania dopo la sconfitta del maggio-giugno 1940, aveva sentito il cappellano parlare delle apparizioni della Madonna a La Salette. Chiamava le apparizioni un "pio scherzo". Poi ha deciso di scappare per controllare sul posto. Il 20 ottobre 1940, dopo il successo della sua fuga e del suo pellegrinaggio a La Salette, scrive la seguente lettera al cappellano del campo, firmata in quanto Jacques Pèlerin: “Da Notre-Dame de La Salette, che avrei chiamato Nostra Signora degli sconvolgimenti inaspettati. Alla veglia, circondata da un silenzio di grande distinzione, ma in cui tutte le ali degli Angeli e tante voci stupefacenti frusciavano, dopo aver riflettuto su questo dettaglio del Vangelo del giorno: “vedendo i suonatori di flauto e una folla fare un gran baccano, Gesù disse loro: Ritiratevi!” - e con quale tono imperativo deve averlo detto!" Poi raccontò la storia della sua fuga; arrivato a Lione, si era trovato di fronte alla difficoltà amministrativa per sua situazione di evaso: si sentì rispondere da un funzionario che avrebbe fatto meglio a rimanere dov'era, il che sarebbe stato più semplice. Lui commentava: “Rimanere dov'ero? Come se fosse dipeso da me fare o non fare quel viaggio, perché posso dirvi ora che mi sentivo irresistibilmente chiamato. Dovevo andare. Mi aspettavano, e non è  corretto, in un caso del genere, non dire: "Ora vado! Ha continuato con i dettagli della sua conversione, la sua confessione dopo otto anni, il suo soggiorno al santuario. Ha finito la missiva aggiungendo: “Per qualche giorno ancora mi fermo qui. Ci sono piccoli dettagli che mi sembrano degni di una riflessione prolungata e sul posto.”

Da questo ritiro dopo la sua conversione, il tenente Darreberg è stato un apostolo instancabile del messaggio di La Salette, che vivrà pienamente e diffonderà intorno a lui, confidando sempre in Maria nei momenti difficili (aviatore) e dicendole quando le cose andavano male: “Madonna, a te la guida!”

Che uomo straordinario, questo capitano Darreberg, dicono i suoi biografi! Scampato miracolosamente da un campo di prigionia, colui che ama essere chiamato "il pagliaccio" o "il burlone", si è ritrovato un giorno sui sentieri accidentati che portano lassù, sulle Alpi, al pellegrinaggio di La Salette, a 1800 m di altitudine. Ora sa di avere una missione speciale. Impegnato nella Resistenza, passò in Inghilterra per essere incorporato in un'unità di piloti da caccia. Ai comandi del suo aereo, veniva inviato in missioni che spesso si concludevano con un combattimento aereo. Attaccava gli aerei tedeschi, non dall'alto verso il basso, ma dal basso verso l'alto, in modo che se fosse stato colpito dal nemico, sarebbe morto di corsa verso il cielo. Su internet si può trovare un libro su questo meraviglioso capitano.

Viviamo l'attualità ripetendo spesso con fiducia alla Vergine Maria: "Madonna, a te la guida". In questo mese del Rosario, le fondamenta del Trattato della Vera Devozione a Maria secondo San Luigi Maria Grignon da Montfort, che tanto ha aiutato San Giovanni Paolo II, potrebbero permetterci di fondare meglio la nostra devozione mariana:

a) Dio vuole la devozione mariana: ha voluto scegliere liberamente la Santa Vergine per diventare la Madre del Verbo incarnato. Voleva affidare alla Santa Vergine tutti i suoi tesori perché fosse la dispensatrice di tutte le grazie, mediatrice di tutte le grazie. Voleva che Gesù si sottomettesse totalmente, per 30 anni, a sua Madre. Vuole dare le sue grazie ai suoi figli attraverso di lei. Quindi non abbiamo paura di dire e ribadire: “Madonna, a te la guida!”

b) Questa devozione aiuta efficacemente l'uomo peccatore e debole: San Luigi Maria è molto realista. Conosce la profonda miseria dell'uomo peccatore. Nonostante la rigenerazione del battesimo, ci sono ancora cattive tendenze in noi. Portiamo la grazia in vasi di argilla che possono rompersi in qualsiasi momento. Siamo in costante pericolo che i nostri tesori spirituali siano portati via da Satana e da altri demoni, grandi scrutatori e grandi nemici delle nostre anime. Abbiamo quindi assolutamente bisogno di essere protetti. Se affidiamo i nostri tesori alla nostra Madre, fedele e potente, lei li custodirà e li farà fruttificare molto meglio che se li gestiamo da soli. Madonna, a te la guida, perché io non mi lasci derubare dei tesori di grazie che Dio mi ha dato!

c) La santa schiavitù a Maria è una libera schiavitù di amore. Nessuno ci costringe a diventare schiavi della Madonna; è per amore che vogliamo liberamente diventare schiavi di Maria. Essere schiavo d'amore non è solo essere un servo. Un servo è al servizio di un datore di lavoro per il quale lavora per un salario concordato. Lo schiavo si dona completamente, nulla è suo, appartiene completamente alla Vergine, e ha deciso di dare il suo corpo, la sua anima e tutti i suoi beni, tutte le sue azioni meritorie passate, presenti e future, a sua Madre. Tutto, assolutamente tutto quello che è e che ha, appartiene alla Madonna. Madonna, a te la guida, sono tutto tuo!

d) Essere schiavo d'amore di Maria è essere schiavo d'amore di Gesù: San Luigi Maria è stato ispirato a rivelare al maggior numero possibile questa devozione conosciuta prima di lui da alcuni personaggi santi. Ci ha fatto scoprire che non dobbiamo assolutamente temere questa schiavitù dell'amore, perché questa schiavitù, lungi dall'essere contraria agli impegni del nostro Battesimo, permette una maggiore fedeltà!
San Luigi Maria mostra che la Santa Vergine è così umile che quando uno le dice: "Maria", risponde sempre: "Dio". La santa schiavitù dell'amore a Maria, infine, ci permette di essere più donati a Gesù perché lo Spirito Santo scorre in un'anima che si è donata totalmente alla sua Sposa di predilezione. Madonna, a te la guida per essere sempre più legati a Dio!

e) Essere schiavi dell'amore di Maria è la via più sicura per la santità!
Il 19 ottobre 1997, Giovanni Paolo II ha dichiarato santa Teresa di Gesù Bambino, Dottore della Chiesa, per mezzo della quale Dio ha voluto riproporre al nostro mondo la via evangelica della santità: l'infanzia spirituale. La spiritualità di San Luigi Maria non è assolutamente in contraddizione con quella del dottore della scienza dell'Amore divino che era la piccola Teresa. Dio ha ispirato san Luigi Maria a dare ai battezzati una via sicura per diventare figli di Dio, nello spirito del Vangelo e nell'imitazione di Gesù: essere figli di Maria! La Vergine Maria è, dice, lo stampo in cui si fondono i santi. Gesù si è formato in questo stampo, in esso devono formarsi anche le membra del suo Corpo Mistico, ma dobbiamo ricordare, diceva S. Luigi Maria, che si getta nello stampo solo ciò che è fuso e liquido, cioè si deve distruggere e sciogliere in voi il vecchio Adamo, per diventare il nuovo in Maria" (Trattato, Médiaspaul, 1987, introd. p.16).

Possa questa consegna di cordata aiutarci a crescere nel nostro affetto filiale per la Vergine Maria, Madre di Dio e Madre nostra! Non dimentichiamo, nelle nostre difficoltà di famiglia, di lavoro o di salute, che abbiamo una Madre nel Cielo che veglia su di noi e su tutti i nostri bisogni del corpo e dell'anima spirituale. Sì, vogliamo fare nostra la preghiera del capitano Darreberg: Madonna, a te la guida! Che i nostri contemporanei si affidino come noi alla Vergine Maria!

4) Formazione

Il mese di ottobre è anche il mese della Missione. Vi invitiamo ad approfondire la comprensione dei testi del Magistero sulla Missione e ad assimilare i numeri 1122, 1533, 1565, 2044 e 2419 del CCC.

5) Azione

Infine, non dimentichiamo che ottobre è il mese del Rosario, la preghiera preferita di San Giovanni Paolo II. Invitiamo senza timore i nostri amici a recitare il rosario in famiglia attorno a una statua della Vergine Maria o in chiesa. Come abbiamo già detto: è possibile, attraverso la connessione internet, recitare il rosario con noi tutti i giorni alle 6:30, 13:10 e 18:00.

Con i battezzati e le famiglie, non abbiamo paura di impegnarci nella difesa della vita dal suo concepimento alla sua fine naturale. Testimoniamo senza paura il piano di Dio per la famiglia, l'amore bello e la sacralità della vita umana.

6) Condivisione

Ringraziamo, come abbiamo detto nell'introduzione, per la giornata dei voti di Suor Teodora e per il ritiro dei nostri postulanti e novizi. Vi invitiamo a pregare per il nostro fra Benoît che sarà ordinato sacerdote dal nostro vescovo Jean-Louis Balsa, a Saint-Pierre-de-Colombier sabato 17 ottobre alle 15.00. Grazie per tutti i vostri messaggi di sostegno caloroso, le vostre preghiere e la vostra generosità.

Vi benedico affettuosamente assicurandovi la preghiera e l'affetto di Madre Magdeleine, e affido alle vostre preghiere tutte le nostre intenzioni, specialmente le vocazioni. Segniamo nelle nostre agende le due date della Festa della Madonna delle Nevi: sabato 12 dicembre o sabato 19 dicembre 2020. Ci auguriamo che possiate venire in gran numero e che le esigenze sanitarie non impediranno a nessuno di venire a pregare la Madonna delle Nevi, che ha molte grazie da darvi.

Père Bernard

III - Notizie del sito Madonna delle Nevi

Vi invitiamo a leggere su internet il nostro comunicato stampa, nonché quello del collettivo "Pour notre vallée, la Bourges", di cui abbiamo citato un estratto all'inizio di questa consegna. Non ci arrendiamo, e continuamo ad affidare tutto alla Madonna delle Nevi e a san Giuseppe. Per essere aggiornato sull'andamento del cantiere, vedi sitomdn.fmnd.org.

Come aiutarci?

  • Parlare: far conoscere il progetto: sui social media, via email, o per il passaparola.
  • Pregare: pregare con noi la Santa Famiglia, Gesù, Maria e Giuseppe su tv.fmnd.org.
  • Donare: don.fmnd.org (potete anche contattare la nostra casa di Roma).

Inoltre, vi ringraziamo per il vostro sostegno spirituale in quei tempi difficili! Potete raggiungere le "Sentinelle del Sito Madonna delle Nevi" che pregano a questa intenzione. Vedi qui altre informazioni.

Che cosa vuoi fare ?
Consulta la consegna spirituale
Ottobre 2020: Madonna, a te la guida!
Prega in diretta l'ufficio divino
Informati sulle nostre novità
Iscriviti alle nostre attività
Fòrmati con i nostri dossiers