Giugno 2020: finalmente il suo impalcato!

Pubblicato da

Giugno 2020: La passerella ha finalmente avuto il suo impalcato

1- Quando il ponte pedonale riceve il suo impalcato...

Stavate aspettando con impazienza questo avvenimento e l'articolo era un po' in ritardo, ma ora eccolo qui...

L'imponente operazione effettuata dalla ditta Gagne Costruzioni in metallo, con l'ausilio di una gru da 200 tonnellate della ditta Lafont, si è svolta nella settimana dal'8 al 12 giugno.

Per comprendere appieno le modalità di intervento, vi invitiamo a fare riferimento alla definizione dei diversi elementi come rappresentati nello schema sottostante.

Le operazioni sono state effettuate dapprima dalla zona di accoglienza dei pellegrini, sul lato della strada dipartimentale (spalla C3).

Dopo aver depositato direttamente, con l'aiuto della gru, due sollevatori a braccio articolato (macchina blu in basso) ai lati della pila P2, la trave curva metallica di questa è stata posizionata e accuratamente sistemata.

Il primo troncone (C3), del peso totale di 35 tonnellate, è seguito, senza grandi difficoltà. La pesante struttura in acciaio poggia, sia sulla trave curva della pila che sulla spalla, su "dispositivi di sostegno", quattro cubi in totale, ciascuno di 25 cm di lato, realizzati in neoprene, una tipo di gomma sintetica molto viscida che permetterà all'impalcato, semplicemente appoggiato, di muoversi di qualche centimetro in senso longitudinale, secondo la dilatazione delle travi che la compongono.

Essendo queste due operazioni durate un'intera giornata, la gru ha potuto passare sull'altra sponda solo la mattina seguente.  Dopo l'allestimento della gru (quasi due ore di lavoro, in particolare per sistemare le sue 105 tonnellate di contrappeso, trasportate da due semirimorchi), la fase successiva del processo di installazione è iniziata con la deposizione di altri due sollevatori a braccio articolato ai piedi della pila P1, e la messa in opera della trave curva corrispondente a questa.

Poi, è stata la volta del troncone C0 ad essere posizionato, agganciato con robuste imbracature (~cinghie di sollevamento), e guidato a terra con funi.

Dalle piattaforme aeree, gli operai prendono il controllo della struttura per fare in modo che sia posata il più precisamente possibile. A livello della spalla C0, altri due, appollaiati in basso su un'impalcatura, fanno lo stesso.

La procedura per la messa in opera dell'intero ponte è stata accuratamente studiata preventivamente. Perciò, per consentire successivamente una più facile regolazione e bullonatura della sezione centrale, questo troncone C0 è stato volutamente posizionato cinque centimetri più distante dal lato della spalla, per poter avere un leggero gioco al centro.

Prima del montaggio del troncone centrale, i due archi ornamentali, che celano il lato inferiore dell'impalcato, sono stati montati indipendentemente da questo (gli archi dei tronconi C0 e C3 invece erano già fissati ad essi quando questi sono stati posati).

Si è quindi potuta svolgere la messa in opera del troncone centrale, del peso di 15 tonnellate senza il suo piano di calpestio, operazione lunga e delicata che è stata la chiave di volta dell'intera installazione dell'impalcato. Il troncone è stato sollevato senza il piano di calpestio, in modo che il suo peso, con una campata di quasi 25 metri, non superasse la portata della gru.

Il troncone C0, dopo che il troncone centrale era stato imbullonato al troncone C3, è stato spostato dei cinque centimetri di scostamento in eccesso per mezzo di due piccoli ma potenti martinetti poggiati sulla spalla C0. Potrà quindi ora essere collegato al troncone centrale appena posizionato.

Alla fine di questa settimana di lavoro, durante la quale abbiamo potuto constatare la serietà e la competenza tecnica di questa azienda, ma anche lo spirito "familiare" che vi regna (abbiamo potuto incontrare, per un pomeriggio, gli uomini dell'ufficio progettazione dell'azienda: progettista, strutturista, direttore... venuti a dare manforte agli operai), abbiamo avuto la gioia di condividere con loro un momento conviviale di ringraziamento, riuniti intorno a padre Bernard, madre Magdeleine, e ai fratelli e alle sorelle della comunità.

Potrete trovare, molto presto, in queste pagine, il video di questa spettacolare operazione...

Dopo la sospensione del cantiere, è stata comunque necessaria una breve operazione di messa in sicurezza della passerella incompiuta per evitare qualsiasi tipo di incidente. Questa è consistita nell'installazione della parte mancante del piano di calpestio e degli ultimi parapetti. Ciononostante, la passerella non è propriamente completata, alcuni lavori di finitura seguiranno quando sarà possibile... 

2- Come aiutarci?

  • Parlare: far conoscere il progetto: sui social media, via email, o per il passaparola.
  • Pregare: pregare con noi la Santa Famiglia, Gesù, Maria e Giuseppe su tv.fmnd.org.
  • Donare: don.fmnd.org (potete anche contattare la nostra casa di Roma).

3- Per essere aggiornato dell'andamento del cantiere

4 - Io dono online

Che cosa vuoi fare ?
Consulta la consegna spirituale
Gennaio 2021: anno del corraggio e della fede...
Prega in diretta l'ufficio divino
Informati sulle nostre novità
Iscriviti alle nostre attività
Fòrmati con i nostri dossiers